OPERAZIONE FIATO SUL COLLO: OBIETTIVO TARES!!!

Nell’ultimo incontro (Lunedi 10 Febbraio) tenuto con i cittadini siracusani per fare il punto della situazione sulla vicenda TARES, il gruppo del MoVimento 5 Stelle Siracusa, Grilli Aretusei, ha deciso di presenziare in massa al prossimo consiglio comunale che si terrà mercoledì 12 febbraio alle ore 19:00. I consiglieri comunali sono stati convocati per discutere principalmente della proposta di rinviare la scadenza dell’ultima rata della TARES al 30 aprile.

Per quanto ci riguarda, non basta!!! Il tutto non può essere ridotto ad una questione di tempi, poiché la gente non ha i soldi per pagare la TARES più alta d’Italia, a fronte di uno dei servizi peggiori offerti al cittadino!!!

Il nostro non è un invito a non pagare e ad evadere le tasse. Al contrario, proprio per sottolineare il rispetto delle regole, abbiamo coinvolto la cittadinanza attorno ad una istanza di autotutela che chiede semplicemente il rispetto dei nostri diritti stabiliti dalla legge.

imageChiediamo l’applicazione dell’art.14 comma 20 del dl 201/2011 (e dello stesso Regolamento del Comune di Siracusa, art.19) che consente, nei casi in cui il servizio di raccolta rifiuti va incontro a disservizi frequenti, il pagamento nella misura del 20% della medesima tassa. Un’altra violazione della legge (legge 87/2007) è quella che imponeva ai comuni il raggiungimento, entro il 31/12/2012, di un livello minimo del 65% di raccolta differenziata. Nel Comune di Siracusa, dati ufficiali dell’ultimo Piano Finanziario, la raccolta differenziata si assesta al 5,64%!!

Pertanto, stiamo valutando anche la possibilità di un eventuale ricorso al TAR, come già stanno facendo in tanti comuni del meridione.

É ora di alzare la testa, é ora che i Siracusani si facciano sentire davvero!!! 

Ci vediamo mercoledì 12 febbraio in piazza duomo, ore 19 puntuali!!! A riveder le stelle!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.