CENTRI COMMERCIALI: Siamo a Siracusa o a Tokyo?

Risultati immagini per centro commerciale archimede

Quanti Centri Commerciali esistono o sono esistiti a Siracusa e paesi limitrofi?
 
Contrada Spalla (Comune di Melilli)
Auchan, Brico, Mediaworld, Decathlon, Tata, AWR megastore. precedentemente SEMERARO MOBILI e precedentemente AIAZZONE. Eurospin, Gemar, Alta Sfera ed infine la struttura di fronte l’AUCHAN che avrebbe dovuto contenere all’interno circa 100 negozi.
 
Viale Epipoli – Centro Commerciale “Fiera del Sud” – Chiuso – 
Via Necropoli del Fusco – Archimede
Via Elorina/Ermocrate – Gemar, UNIEURO, Centro Commerciale XIU
Priolo/Melilli – Conforama
Avola – Centro Commerciale “Il Giardino”
 
Nella nostra città ci sono, come in qualsiasi altra città moderna, innumerevoli negozi e supermercati ma, vista la lista suindicata, la domanda è la seguente: Siracusa è diventata Tokyo o c’è qualche problema nel comprendere che l’offerta supera di parecchio la domanda? Le parole “BACINO DI UTENZA” hanno un significato oppure no? 
 Risultati immagini per conforama melilli 
Un’attività commerciale cerca, in base alla sua offerta, di captare più utenti possibile e questa è una legge di mercato e di marketing. Un grosso centro commerciale alle porte di una città cerca di attirare a sé potenziali acquirenti, anche dalla provincia. Analizziamo questo argomento prendendo, ad esempio, il caso di Siracusa. A Nord la città più vicina è Catania. Tra Catania e Siracusa ci sono, oltre ai menzionati centri commerciali, anche “Le Porte” di Catania e “IKEA”. Si pensa veramente che gli abitanti, ad esempio, di Lentini, vengano a Siracusa a fare spese quando, ad una distanza inferiore, hanno, oltre Catania stessa, i centri commerciali anche di Misterbianco (storico polo commerciale) e di Belpasso, con il suo ETNAPOLIS?
Risultati immagini per ard discount siracusa
Orientiamo adesso il nostro sguardo a sud della provincia. Andando verso sud, oltre alle menzionate attività commerciali, troviamo il Centro commerciale “Il Giardino” ad Avola e, ancora più a sud, arriviamo a Ragusa, città con il suo polo commerciale, esattamente al pari di Catania. 
 
Tornando a Siracusa, il centro commerciale oggi denominato “Archimede” negli anni ha cambiato diversi nomi, non per un restyling ma semplicemente perché i negozi all’interno hanno sistematicamente chiuso battenti e, di volta in volta,sono sorte nuove catene. Si è passati da “I Papiri” ad “Archimede”.
Per carità, qualcuno affermerà l’equazione: nuovi centri commerciali uguale più posti di lavoro. Ma, alla luce dei fatti e dell’analisi predetta, quanto saranno precari i posti di lavoro creati? Ne esistono decine di esempi come questoda ultimo i lavoratori dell’ex Spaccio alimentare che hanno la nostra totale solidarietà visto che, dopo mesi dalla riapertura del Centro Commerciale, il supermercato all’interno è ancora chiuso. Inoltre, preme far notare che a Siracusa gli immobili dei supermercati che chiudono rimangono sfitticreando delle vere e proprie cattedrali nel deserto (vedi il supermercato Simply di Via Tisia), visto anche l’impatto estetico sgradevole, nel paesaggio urbano, dei capannoni creati velocemente per dar luogo a nuovi supermercati (come l’ARD del quartiere Mazzarona).
Risultati immagini per spaccio alimentare siracusa
Si ritiene, pertanto, che la regolamentazione della concessione di licenze e del suolo pubblico diventi più stringente e chiara, pianificando con senso di responsabilità l’apertura di negozi e quant’altro concesso per evitare la creazione di posti di lavoro illusori, della durata di pochi mesi aventi, come triste conseguenza, decine di famiglie in mezzo alla strada: un precariato che non permette la crescita dell’economia e che, viceversa, la blocca inesorabilmente.
A Tal proposito la domanda da porsi è:
Perchè non è mai stato applicato l’esistente Piano Commerciale di Siracusa? 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.