PROCESSO FANTASSUNZIONI: IL COMUNE SI COSTITUISCA PARTE CIVILE

FANTASSUNZIONI a Siracusa: si chiede al Sindaco Garozzo di far costituire il Comune di Siracusa parte civile nel processo che vede imputati i sei consiglieri in carica dal 2008 al 2013, che avrebbero stipulato contratti con alte remunerazioni senza in realtà svolgere regolare attività. Il Sindaco lo aveva promesso in campagna elettorale.

Inoltre, si chiede al PD cittadino una presa di posizione forte per il rispetto della legalità, nell’invitare il consigliere rieletto, Franco Formica, a dimettersi dalla carica attualmente ricoperta.

Lo scorso 20 marzo, il Gup del tribunale di Siracusa, Stefania Scarlata, ha rinviato a giudizio sei ex consiglieri comunali e sette imprenditori, coinvolti a vario titolo nell’inchiesta denominata “fantassunzioni”, portata a termine dagli uomini della Digos della Questura di Siracusa. I soggetti in questione sono accusati del reato di truffa ai danni del Comune di Siracusa, in virtù di presunti contratti di lavoro subordinato, ma fittizi, stipulati per ottenere dal Comune aretuseo i relativi rimborsi previsti dalla ormai famosa LEGGE 30. Sfruttando a loro vantaggio la normativa regionale, secondo quanto ricostruito dalla Magistratura, avrebbero presentato periodiche richieste di rimborso relative alle presenze nelle commissioni permanenti, inducendo così in errore il Comune di Siracusa a versare le somme di denaro che per la Procura non avrebbero dovuto essere elargite. L’inchiesta, scattata nel luglio del 2013, ha portato al sequestro di una somma complessiva di 657 mila 965 euro. Oltre il reato di truffa, contestato singolarmente ai vari imputati, vi è anche quello di falso ideologico.

La prima udienza del processo è stata fissata per il 21 settembre 2015.

Il Comune avrebbe potuto costituirsi parte civile nei confronti dei consiglieri imputati già in sede di udienza preliminare. Ciò non è avvenuto. Fortunatamente nulla è ancora perduto.

Il Comune potrà costituirsi parte civile fino alla dichiarazione di apertura del dibattimento, che avverrà, salvo rinvii per particolari esigenze processuali, alla prima udienza del processo, fissato, per lappunto, per il 21 Settembre 2015.

Tale attività è importante, oltre che sotto il profilo simbolico, anche per chiedere ed ottenere il risarcimento di tutti i danni che i consiglieri imputati avrebbero causato al Comune di Siracusa.

Lo scorso 8 Aprile, il Portavoce 5 Stelle all’ARS, Stefano Zito, ha inviato una richiesta ufficiale al Sindaco.

Schermata 2015-04-14 alle 01.09.36

Ricordiamo cosa rispose l’aspirante Sindaco Garozzo, alle domande poste dal MoVimento 5 Stelle siracusano durante il periodo del ballottaggio:

Domanda: Nel caso partisse un processo sul discorso dei rimborsi alle società private dove lavorano i consiglieri comunali, si prende limpegno di fare costituire come parte civile il Comune di Siracusa al processo contro chi, forse, ha abusato dei soldi pubblici? Lei è disposto alla costituzione di parte civile del Comune in tutti i processi per reati contro la Pubblica Amministrazione, per mafia, ambientali, eccetera?

Risposta: Assolutamente sì. Non avrei alcuna difficoltà. Anzi, sono uno che …, lo faremo su tutti i reati che riguardano, soprattutto per le mafie e la legalità. Non c’è dubbio

 Bene Sindaco, adesso passiamo dalle parole ai fatti.

 I MeetUp del MoVimento 5 Stelle Siracusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *