M5Stelle: Interrogazione di Stefano Zito per sospette criticità nella gara per i “servizi di supporto all’amministrazione”

Il portavoce del M5S all’ARS, Stefano Zito, ha depositato nei giorni scorsi una interrogazione in merito alla gara per i “servizi di supporto all’amministrazione”, che ha scatenato negli ultimi mesi diverse proteste da parte dei lavoratori Socosi e Util Service.

11938886_10206219385738615_1722454921_nLa gara, bandita a Giugno 2014 con Determina Dirigenziale del Direttore Generale Vincenzo Migliore (base d’asta di oltre 10 MILIONI DI EURO), ha visto l’aggiudicazione al consorzio GSA Europromos, che ha presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa con un ribasso del 27,4%.

Fin dall’inizio, i lavoratori delle due cooperative, che svolgono diversi servizi per il Comune in regime di proroga da diversi anni, hanno segnalato all’Amministrazione diverse criticità. Restando inascoltati.

Analizzati gli atti di gara, il M5S chiede di fare luce su alcuni punti molto controversi:

* capire se vi sono responsabilità dirigenziali nell’iter della gara, in particolare nella mancata indicazione del contratto di lavoro da utilizzare per i 108 lavoratori delle due cooperative (55 unità per la SOCOSI e 53 per la UTIL SERVICE), che ha permesso alla ditta vincitrice di proporre un unico contratto Multiservizi, accorpando differenti tipologie di servizi offerti dai lavoratori.

L’amministrazione, come intende gestire i servizi? Quale sarà la nuova pianta organica degli uffici? Come ha fatto la commissione giudicatrice a non accorgersi di queste mancanze?

* verificare se, nella gestione della gara, non si configuri un possibile danno erariale per la mancata possibilità di ottenere un vantaggio economico da parte dell’Ente.

* capire come mai non si sia provveduto prima alla stabilizzazione dei 15 lavoratori ex LSU, nonostante diversi provvedimenti normativi a favore.

C’era forse l’intenzione di fare rientrare questi lavoratori nella nuova società una volta concluso l’iter della gara trovando necessariamente nuovi fondi così come previsto dall’art. 6 e 7 del disciplinare di gare?

Il 12 Novembre scorso, il TAR di Catania ha disposto la sospensiva della gara, rinviando il tutto al 14 Gennaio 2016, e costringendo il Comune di Siracusa ad una ulteriore ed inevitabile proroga della gestione dei servizi. Nel frattempo il CGA ha respinto la richiesta di annullamento dell’ordinanza del TAR chiesto da GSA Europromos, rinviando la trattazione alla Camera di Consiglio che si terrà il 16 dicembre 2015, ma non ha ritenuto anomala l’offerta con il ribasso del 27,4%.

A rimetterci i lavoratori, che vivono sulle loro spalle una situazione di incertezza e precarietà.

Si chiede dunque che si faccia chiarezza, sia per l’importanza dei servizi coinvolti, che per i costi, evitando che a rimetterci siano sempre i lavoratori, a causa di “errori” della politica e dell’apparato burocratico, che però a fine anno stacca con estrema puntualità il biglietto della premialità per il raggiungimento degli obiettivi. Quali?

Stefano Zito, M5S ARS
Meetup Siracusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *