Ex Provincia di Siracusa: 7 milioni di euro in arrivo, sarebbero garantiti personale e servizi

Si è chiuso ieri l’incontro tra assessorato e i commissari delle province che permetterà di passare alla stesura del decreto di riparto i 100 milioni di euro previste a livello nazionale nel decreto crescita

I 7 milioni di euro in arrivo sono boccata d’ossigeno per la ex provincia di Siracusa. Si è chiuso ieri l’incontro tra assessorato e i commissari delle province che permetterà di passare alla stesura del decreto di riparto i 100 milioni di euro previste a livello nazionale nel decreto crescita. “Di questi 100 milioni, in prima battuta, la Regione siciliana ne distribuirà 80 mln in maniera proporzionale per tutte le province. Di questi 80 milioni, circa 7 milioni andranno alla provincia di Siracusa. I restanti 20 mln, verranno trasferiti tra qualche mese in base alle emergenze economiche. Oltre a questi arriveranno altri 4 milioni a Siracusa per i mutui che erano stati già previsti per investimenti di scuole e strade nell’accordo Stato-Regione del dicembre 2018 ed entrato in legge di bilancio 2019”, dichiarano Paolo Ficara e Stefano Zito, rispettivamente parlamentare nazionale e deputato regionale del MoVimento 5 Stelle.

Questi 11 milioni (7+4) serviranno sia per il personale sia per garantire i servizi.

Altre notizie sulla provincia di Siracusa arrivano anche dall’incontro sullo stato di abbandono delle strade provinciali che si è svolto lunedì pomeriggio al Libero Consorzio di Siracusa assieme all’assessore regionale Falcone” prosegue Zito. “Dopo il mio invito del 24 luglio scorso, l’assessore è venuto ad ascoltare di persona, dalla voce dei sindaci del territorio, le loro esigenze e si è preso l’impegno per cercare di sbloccare la situazione e accelerare i lavori di intervento e manutenzione delle strade più critiche. Ovviamente ringraziamo l’assessore per la sensibilità ma questo è solo un piccolo passo, speriamo ci siano concreti nelle prossime settimane”, conclude Stefano Zito del MoVimento 5 Stelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.